A COSA SERVE L’HUMIDOR PER SIGARI?

ROLLIAMO-A-COSA-SERVE-HUMIDOR-SIGARI

Siamo in un mondo, perché cosi può essere definito, completamente differente rispetto ai prodotti e corrispondenti temi fin qui trattati: handrolling e narghilé (per citare i due principali).

Siamo nel mondo del fumo lento. Il protagonista è il sigaro. Sigaro che viene prodotto attraverso un procedimento che richiede tempo cosi come viene richiesto di prendersi del tempo per poterlo gustare ed apprezzare nelle sue molteplici sfaccettature, magari accompagnati da un buon rum.

Con questo articolo non vogliamo certo addentrarci nel mondo del sigaro ma bensi presentarvi un accessorio fondamentale per gli appassionati del sigaro: l’humidor.

Se siete interessati ad approfondire il tema sigari e scoprire un vero e proprio mondo (come già detto) vi segnaliamo un forum e un sito:

  • http://accademiafumolento.forumfree.it/
  • http://www.cigarslover.com/

ROLLIAMO-COSA-SERVE-HUMIDOR-SIGARIRitorniamo sul focus di questo articolo: l’humidor. L’humidor per sigari è uno strumento che permette di mantenere al suo interno un tasso di umidità tale da garantire un’ottimale conservazione dei sigari. La stragrande maggioranza degli humidor sono in legno, ma si trovano anche humidor in legno e vetro ed humidor in plexiglass e vetro.

Ci sono due strumenti fondamentali che ogni humidor deve possedere: una spugna umidificante e un igrometro.

Il primo strumento, la spugna umidificante, si trova in dotazione con l’humidor, all’interno di un contenitore appositamente creato. Bisogna mantenere la spugna sempre umida e mai eccessivamente bagna o meglio fradicia, altrimenti le gocce potrebbero finire sui sigari e rovinarli.

La spugna va mantenuta umida perché l’humidor deve conservare un’umidità relativa all’interno di determinati valori (fra poche righe vi diremo quali sono tali valori).

Il secondo strumento è l’igrometro ovvero lo strumento che ci permette di tenere sotto controllo l’umidità relativa presente all’interno dell’humidor e quindi assicurarci che tutto funzioni al meglio. Esistono igrometri analogici e igrometri digitali.

Quelli in dotazione sugli humidor in vendita su rolliamo.com sono di tipo analogico.

Qual’è il tasso ottimale di umidità relativa entro la quale stare?!

Per un buon mantenimento dei sigari è fondamentale mantenere un’umidità relativa intorno al 70%. La “forbice” entro la quale oscillare va tra il 66 e il 73%.

Valori più bassi comportano un lento disseccamento del sigaro mentre valori più alti possono provocare una variazione di aroma e creare perfino difficoltà di tiraggio.

HUMIDOR KIT CHERRYCome si attiva un humidor appena acquistato?

Arrivando a casa e tirando fuori un humidor, se siamo neofiti della materia, ci facciamo prendere dal panico: cosa devo fare ora?

Nulla di estremamente complicato: tirare fuori la spugna e inumidirla, inserire i sigari e chiudere il coperchio.

Molte volte però l’umidità relativa tende a non salire ed entrare entro la “forbice” sopra indicata. Questo perché il legno assorbirà tutta l’umidità rilasciata dalla spugna.

Navigando sul web¹ abbiamo trovato un piccolo trucchetto che vi aiuterà ad accelerare il processo di attivazione dell’humidor:

  1. Togliete i sigari e la spugna precedentemente umidificata;
  2. Prendete un panno pulito e inumiditelo appena;
  3. Passate il panno delicatamente su tutte le pareti dell’humidor;
  4. Rimettete la spugna umida nel suo contenitore;
  5. Aspettate qualche ora.

Se l’umidità relativa rimane bassa, ripetete il lavoro. Viceversa, quindi se è troppo alta, lasciate l’humidor un po aperto.

Inserite i sigari solamente quando l’umidità relativa è all’interno della forbice 66-73%.

Sullo stesso sito abbiamo trovato un’altra indicazione importante che risponde alla seguente domanda: ogni quanto vanno bagnate le spugne? 

Chi è alle prime armi, giustamente, cerca di controllare più volte possibile l’humidor e l’umidità relativa. Più volte si apre e più volte l’umidità relativa cambia. Quindi il consiglio è di trattenersi e lasciar lavorare l’humidor.

Un humidor medio, ovvero un humidor che contiene 70/80 sigari può tenere l’umidità relativa corretta per un paio di mesi senza alcun intervento. Viene consigliato di tenere sotto controllo i sigari e l’umidità relativa, una volta a settimana.

Ora non vi rimane che visitare la nostra sezione dedicata agli humidor e perchè no? Visitare anche le sezioni dedicate agli accessori per chi ama i sigari e lo stile del fumar lento che li distingue e rende unici nel loro genere. 

1.Fonte: http://accademiafumolento.forumfree.it/